Alfa Romeo Spider: l'amministratore delegato conferma che il rilancio del modello non è redditizio

In un'intervista rilasciata al quotidiano italiano Il Messaggero, Jean-Philippe Imparato, amministratore delegato diAlfa Romeochiarito la posizione del marchio sulla possibilità di rilanciare l'iconica Alfa Romeo Spidernoto anche come Duetto. Quando gli è stato chiesto se fosse in arrivo una nuova versione di questo leggendario modello, ha dato una risposta diretta.

Imparato ha detto: "E quali sono i sogni? Certo, sarebbe bellissimo creare una nuova Duetto, erede di un'icona che ha conquistato anche l'America, ma probabilmente non sarà possibile. Per avere un ritorno economico adeguato, è più saggio puntare su una vettura tipo Brera, una coupé e anche una cabriolet. Ho un'idea molto chiara di quello che ci serve nel segmento C. Se oggi si fa una Duetto, si sa fin dall'inizio che venderete al massimo 15.000 esemplari all'anno, e questo sarebbe un problema. Dobbiamo ancora capire cosa vogliamo fare nel 2027, ma una cosa è certa: le nuove Stelvio e Giulia ci daranno un grande impulso. E non dobbiamo aspettare molto, perché presenteremo lo Stelvio nella seconda metà del prossimo anno e nella primavera del 2026 arriverà la Giulia, che è magnifica e offre il massimo in termini di prestazioni e stile di guida. Le nostre nuove generazioni di veicoli avranno una qualità altissima e tecnologie all'avanguardia, perché in Alfa Romeo lavoriamo con una passione straordinaria."

Pubblicità

Le parole di Jean-Philippe Imparato confermano ciò che molti appassionati temevano: la rinascita dell'Alfa Romeo Spider non sembra economicamente sostenibile nel breve periodo. È vero che l'ultimo modello Spider, prodotto dal 2006 al 2010, ha superato di poco le 12.000 unità. Inoltre, il tentativo di tornare a collaborare con Mazda durante l'era FCA ha visto Fiat e Abarth sfruttare la mutualizzazione per creare la Fiat 124, di cui sono state prodotte circa 40.000 unità in tutto il mondo.

Oggi, con L'Alfa Romeo si è concentrata sulla redditività, non sorprende che la Spider non sia una priorità. Inoltre, le sinergie all'interno del Gruppo Stellantis impongono che qualsiasi nuova cabriolet Alfa Romeo debba essere condivisa con un altro modello del gruppo. Ciò significa che una nuova Alfa Romeo Spider potrebbe potenzialmente condividere componenti o piattaforme con altre cabriolet del Gruppo Stellantis, riducendo così i costi di sviluppo.

Pubblicità

È quindi ragionevole pensare che una nuova Spider non vedrà la luce prima del 2030.mentre la gamma attuale viene rinnovata. Secondo Il piano prodotti Alfa Romeo fino al 2028Il marchio prevede di lanciare diversi modelli: la Milano, il nuovo Stelvio, la nuova Giulia, la nuova Giulietta e un nuovo Tonale.

16 Commenti

Lascia una risposta
  1. Con Stellantis, realizzare un'auto di nicchia come la Spider è impossibile.
    Un'altra Milano? Una grande berlina o un SUV, al di sopra dello Stelvio? Anche una Giulietta 308?

  2. Nel nuovo mondo dei profitti a breve termine, non capiscono che un veicolo d'immagine può essere finanziato anche dalla massa di veicoli standardizzati venduti insieme ad esso. Questo tipo di gestione finanziaria è stupida.

  3. Stellantis punta tutto sulla redditività. È così che ci ritroviamo con Juniors con motori Peugeot e cloni della Ypsilon 208.
    Stellantis sembra dimenticare che un marchio premium ha bisogno di modelli per la sua immagine. Se Volkswagen avesse ragionato così quando ha rilanciato Audi, oggi quel marchio non esisterebbe più....

    • Basti pensare che le stesse persone che hanno creato DS (ancora un fallimento a 10 anni dalla sua creazione come marchio) sono ora a capo di Lancia, Alfa Romeo e Maserati.

      Lol.

      Risate gialle, molto gialle, addirittura fluorescenti.

  4. la nuova GIULIA nel 2026 e la nuova STELVIO nella seconda metà del 2025... Ma quanto tempo ci vuole per ALFA per far uscire un nuovo modello!!!
    Se si considera che la CUPRA vende già 150.000 auto all'anno... E pensare che VW voleva comprare ALFA e FIAT ha detto no, che errore...

    • Avremmo avuto un'Alfa Romeo basata su Golf, Polo e altri modelli Volkswagen. Non sono sicuro che sarebbe stata veramente italiana, anche se deploro le basi Peugeot per le auto italiane.

  5. La fine della dolce vita italiana....
    Dopo l'acquisizione di tutti questi produttori italiani.... non c'è più spazio per il sogno italiano.
    L'atmosfera sognante e divertente dell'Italia è scomparsa a favore di auto che si basano tutte sullo stesso modello e sulla stessa piattaforma.
    Risparmi strutturali senza dubbio, ma una perdita di identità ad ogni livello....pffff birn peccato per questa recessione.

  6. Il problema per Imparato è che non esiste una Peugeot cabriolet che possa essere ribattezzata con Biscione e Scudetto su tutti e 4 gli angoli della carrozzeria!
    L'Alfa è ora allo stesso livello della Lancia, solo che utilizza il nome per produrre una Peugeot un po' più sportiva, o un po' più lussuosa, o semplicemente visivamente diversa. Se ci pensate, il gioco commerciale che sta dietro a tutto questo è molto simile a quello che Mattel ha fatto con Barbie.

  7. È un peccato che oggi ci troviamo nel bel mezzo di una storia che non è redditizia e come tale dice addio ad alcuni dei modelli più belli della storia dell'automobile.
    E molti clienti non sanno più cosa comprare perché si produce solo ciò che è redditizio.
    Con tutte le possibilità di cui dispone oggi la fabbrica, un singolo telaio può produrre una Peugeot o un'Alfa Romeo.

  8. Con una futura Giulia basata sull'orrenda 408 e i futuri modelli Alfa poco ispirati in termini di design (eppure compriamo un'Alfa principalmente per il suo design... ma questo era prima di STELLANTIS 😅 ), non è certo che tutto questo durerà a lungo. Fortunatamente per STELLANTIS, i markéteux ci renderanno la Dolce Vita! 🤣

    Tutto questo ci ricorda GENERAL MOTORS, il becchino dell'automobile. Ricordate il soldato SAAB (RIP).
    E Tavares, dopo essere stato cacciato dalla Renault da Carlos Ghosn, sognava una carriera americana, per poi finire alla Peugeot! CQFD!

    Recentemente Tavares, il sinistro "killer dei costi" come mi piace chiamarlo, ha dichiarato in un'intervista che alla fine rimarranno solo 4 o 5 produttori al mondo. Inutile dire che i marchi italiani sono in fibrillazione!
    Secondo alcune fonti, Maserati potrebbe avere un futuro al di fuori di Stellantis!

    Ho incontrato parecchie Giulietta e Mito al Sud! Sempre belle da vedere! 🇮🇹

  9. Dov'è la passione? Ho fatto la mia scelta, resto con la mia vecchia Alfa. E le città verdi che non mi vogliono, beh, peccato, andrò altrove. Non è questo che manca. Quando avranno risolto il problema, allora forse comprerò una nuova Alfa. Il cliente è il re, non è vero?

  10. Sembra più un'auto stellare costruita in Polonia! 😂
    Non c'è niente di italiano a sinistra.... sperando che il governo italiano cambi le cose e metta fine a questa farsa una volta per tutte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *