Alfa Romeo: modelli futuri fino al 2030

Presto saranno trascorsi due anni da quando Stellantis ha rilevato i marchi italiani dell'ex FCA e, con il francese Jean-Philippe Imparato al timone, l'azienda intende trasformare il marchio Alfa Romeo per dargli il successo che merita con nuovi modelli.

Una cosa è certa: Jean-Philippe Imparato comunica molto meno del precedente management di FCA. Con quest'ultima, tra il 2010 e il 2020 c'è stato quasi un piano di prodotto all'anno, con 8 nuovi modelli in 4 anni, la nuova gestione Stellantis è molto più sobria negli annunci.

Tuttavia, in alcune interviste, vengono fatti accenni al futuro del marchio e ai futuri modelli Alfa Romeo.

In questo articolo, una sintesi di tutte le informazioni sui futuri modelli Alfa Romeo.

Il marchio Alfa Romeo :

Stellantis continua a cercare di rassicurarci sul fatto che l'Alfa Romeo manterrà il suo DNA per gli aficionados pur dovendo catturare un nuovo pubblico per fare più volume.

  • Un piano di prodotto decennale programmato e validato internamente
  • La priorità non è lanciare piccole serie
  • 100 modelli elettrici % nel 2027
  • Nuovo designer Alejandro Mesonero-Romanos da giugno 2021
  • Un marchio premium sportivo
  • 1 nuovo modello all'anno
  • Motori che possono differire tra Europa e Cina/Giappone/USA/Canada
  • Un'offerta che vada oltre il segmento D entro il 2030 (vale a dire berlina grande e/o SUV grande)
  • Se l'Alfa Romeo rimarrà in F1, sarà solo con un motore Ferrari

Futuri modelli Alfa Romeo :

Di seguito è riportata una tabella dei modelli che quasi sicuramente verranno lanciati entro il 2030.

ModelliSegmentoAnnoPiattaformaCodice internoFabbrica
Alfa Romeo TonaleC-SUV2022FCA SW LWB965Pomigliano d'Arco (Italia)
Alfa Romeo Giulia MY23D-sedan2023Giorgio952Cassino (Italia)
Alfa Romeo Stelvio MY23D-SUV2023Giorgio949Cassino (Italia)
Alfa Romeo XSupercar2023MC20?Modena (Italia)
Alfa Romeo XB-SUV2024PSA eCMP966Tychy (Polonia)
Alfa Romeo StelvioD-SUV2025STLA Medio
Alfa Romeo GiuliaD-sedan2026STLA Medio
Alfa Romeo XE-SUV2027STLA Medio
Alfa Romeo X2028
Alfa Romeo X2029
Alfa Romeo X2030

Rimangono quindi modelli ipotetici come una grande berlina (e-sedan), una nuova Duetto cabrio e una coupé sportiva. Queste ultime due potrebbero beneficiare delle piattaforme delle future Maserati GranTurismo e GranCabrio, sotto la piattaforma STLA Large. Ma tutti questi modelli ipotetici sono condizionati dal successo di dei modelli precedenti...

La vita del Tonale potrebbe anche essere molto breve, visto che entro il 2027 tutte le auto Alfa Romeo saranno 100 % elettriche. Resta da vedere se la "vecchia" piattaforma FCA potrà essere trasformata in una 100 % elettrica o se nel 2028 apparirà un nuovo Tonale su piattaforma STLA Small.

Che dire Versioni sportive Quadrifoglio in un futuro 100 % elettrico... questo è ancora da vedere.

Come si ricorda qui di seguito, il diverse piattaforme Stellantis in base ai segmenti.

36 Commenti

Lascia una risposta
  1. Non vedo come l'Alfa possa rimanere in F1, visto che la Sauber è stata acquistata dall'Audi, l'Alfa Tauri sta per diventare Honda, la McLaren sta per firmare con la BMW e l'Andretti sta puntando sempre più sulla Williams.
    In breve, il cerchio è completo.

    • Non c'è ancora nulla di definitivo! Mi è difficile vedere il ritorno di BMW o almeno non ne vedo i segni, Alpha Tauri Honda? Ho l'impressione che Honda tornerà con il suo telaio e il suo motore! Andretti? Sarà in grado di venire in F1? Tutto questo mi sembra comunque prematuro!

      • A quanto mi risulta, l'accordo con l'Audi è praticamente firmato e non vedo cosa c'entri Andretti, visto che sono quasi unanimi nel non farlo venire. Honda ha annunciato ufficialmente che rimarrà nel 2026 e RBR ha annunciato che l'Alfa Tauri sarà ancora motorizzata Honda (e allora?). Pensare che la BMW non tornerà quando tutti gli altri si precipiteranno alla porta è come vivere nella Piccola Casa nella Prateria senza elettricità e senza mezzi di informazione per 100 posti.

  2. Haas È ancora rischioso perché non ha la stessa mentalità della Sauber. Sarebbe una buona cosa dal punto di vista economico come azienda americana con l'Alfa Romeo, ma sarà più una scommessa se ci sarà una vera struttura organizzata come la Sauber... o l'esperienza di quest'ultima.

  3. Stellantis ha ambizioni per l'Alfa Romeo, mentre Fiat, e successivamente FCA, non hanno avuto altro che disprezzo per questo ex concorrente, acquistato a basso prezzo per le ragioni sbagliate nel 1987.
    Certo, i tempi sono cambiati e l'era dei motori canterini è finita (non solo per l'Alfa), ma non ho dubbi che Imparato e i suoi team saranno in grado di far rivivere il Cuore Sportivo!

    • L'ambizione è così grande che nessun cliente vuole andare all'Alfa dopo il matrimonio con PSA.
      FCA ha ripristinato l'immagine dell'Alfa che lo Stato italiano ha distrutto per decenni, come dimostrano la 8C, la 2 4C, la Giulia, lo Stelvio e la Giulietta.
      Stellantis distruggerà il lavoro fatto e l'Alfa andrà in malora!
      In primo luogo, Alfa e Fiat non sono mai state in concorrenza (c'era addirittura un gentlemen's agreement tra le due parti) e la Fiat non ha comprato l'Alfa (come la Lancia) per un pugno di ciliegie, ma è stato lo Stato italiano a mettersi di traverso, proprio come Citroën ha fatto con Peugeot!
      Quando si vede il numero di cadaveri che la PSA ha nell'armadio... molti clienti hanno paura!
      PSA è il gruppo che ha ucciso il maggior numero di marchi appartenenti in tutta Europa con British.

      • Sono pienamente d'accordo con lei. Stellantis produce ottime macchine con piattaforme comuni. Ma francamente la loro base STLA (IKEA) comune con auto come Dongfend o Citroen, segna la morte dell'Alfa Romeo per tutte le persone che amano guidare. E non parlo del design, che risentirà nelle proporzioni delle architetture di serie, e di tutti i piccoli dettagli come gli specchietti, le maniglie delle porte ecc... che saranno anch'essi standardizzati. Buoni margini per gli azionisti, buoni prodotti igienizzati per i clienti, ma la morte del marchio...

          • Solo che il Tonale non è il tipo di prodotto che ci aspettiamo dall'Alfa Romeo, in quanto il futuro piccolo SUV (il cui nome rimane un enigma) è un prodotto che non ha nulla di speciale.
            Se andate all'Alfa Romeo e pensate di trovare gli stessi prodotti che comprereste in un concessionario generico, vi aspetta una vera e propria sorpresa.
            Gli unici "veri" clienti Alfa che c'erano prima dell'arrivo della Giulia e dello Stelvio hanno disertato o sono andati alla BMW, che ha portato con sé 50% della clientela e il resto è andato via.... Ai giapponesi.
            Se si cerca un prodotto Alfa che assomigli a Peugeot, è come cercare una Cayman a 4 cilindri nella gamma di Ferrari, Lamborghini o McLaren... insomma, non succederà presto e bisogna avere un minimo di giudizio nella scelta.
            Non si cerca un prodotto di base in un marchio sportivo puro.
            I clienti del Tonale non saranno mai i clienti della Giulia, dello Stelvio, della 8 o della 4C e di altri prodotti simili.
            Non è una questione di rispetto, ma di coerenza.
            Ho un parente che voleva assolutamente un'auto sportiva a 4 cilindri quando ha lasciato la Cayman e ha preso l'ultima BRZ e non è andato all'Audi per comprare una TT in attesa che Porsche uscisse con un nuovo prodotto che fosse di suo interesse, ma è rimasto sulla stessa base di prodotto.... Questa è coerenza.
            Inoltre, dubito che il Tonale sarà un successo perché ha solo il nome di Alfa ed è ora che Alfa faccia due entità, come è stato proposto nei primi anni 2000:
            Uno sport puro
            Uno sport per tutti (dove si trova il Tonale)
            Ma se si vogliono inseguire due lepri contemporaneamente, si finisce per non prendere nulla, quindi è meglio che Alfa si concentri su ciò che sa fare davvero (come abbiamo visto con la Giulia e lo Stelvio e gli altri prodotti HDG) e soprattutto ricostruisca un servizio post-vendita degno di questo nome, perché è qui che molti clienti che non hanno rinnovato l'acquisto della Giulia (e sono tanti proprio per questo) si bloccano.
            La prova del nove è che Dodge è in cima alla lista e la famosa Hornet, che non è ancora stata provata, ha già un portafoglio pieno, quindi non vedo come Alfa possa farcela.
            Quindi fare delle Alfa delle Peugeot, andare in Alfa a cercare i prodotti che si trovano nelle generaliste riporterà l'Alfa allo stesso livello di quando la Fiat l'ha rilevata... in fondo al baratro.
            Potrei anche chiudere il marchio e, come molti, una volta terminate la Giulia e la Stelvio, cercheremo auto usate con un basso chilometraggio o torneremo alle giapponesi... e per essere una parte importante, è proprio così, perché più dell'80% della clientela della Stelvio o della Giulia era una clientela che aveva disertato (di cui facevo parte) ed è questo tipo di clientela che mantiene vivo un marchio. È sulla buona strada per ricominciare a rivolgersi altrove, perché alcuni chiedono già informazioni sui futuri prodotti di Mazda o Lexus (e paf the dog).
            Non conosco nessun proprietario di Giulia o Stelvio che sia passato a Peugeot o ad altri marchi simili, perché non si tratta affatto della stessa clientela, ma proprio no!

      • Non sono d'accordo con te! Ho un'altra analisi! Anche la clientela è cambiata! Ho l'impressione che tu viva con la nostalgia! Ho l'impressione che la gente compri più per il design che per altro! Quanti acquirenti sanno che una Mercedes ha un motore Renault, tanto per fare un esempio!
        Personalmente, mi piace la meccanica, mi piacciono le auto, ma visto il contesto attuale, cerco un'auto bella, ben rifinita e comoda... visto il traffico e la sicurezza, non sappiamo più guidare se non in circuito!
        Quando vedo una Peugeot 308 su strada, la trovo più desiderabile di una BMW serie 1 o di una Mercedes classe A!
        BMW non ha mai venduto così tante serie 1 o 3, eppure si vedono ancora molti 6 cilindri? ..... Vedo molti 3 cilindri BMW ....
        BMW è passata alla trazione anteriore, vendono meno? No, per niente!

        • No, lei vive in un mondo irreale, perché i clienti sanno cosa stanno comprando, a parte le versioni di gamma che vogliono solo avere un veicolo per andare dal punto A al punto B.
          Vedremo quante auto della Serie 1 FWD saranno vendute in tutto, accanto a quelle a trazione posteriore. Abbiamo visto come i clienti siano stati felici di veder sparire il 6 cilindri, al punto che BMW si è rifiutata di rimuoverlo dalla coupé in quanto è il suo principale punto di forza, oltre al fatto che è a trazione posteriore. Chi la compra sono i clienti abituati alla serie 3 che la trovano troppo grande. Quanti clienti stanno abbandonando la Mercedes perché ora punta solo sui 4 cilindri, lo stesso marchio che è stato recentemente detronizzato da Tesla. Quanti clienti trovano bella una Peugeot come te ???? Non ne conosco.
          A quanto pare non vivete sullo stesso pianeta degli acquirenti.

          • È possibile che lei abbia perfettamente ragione e che io non sia più in linea con i desideri della clientela di oggi e non sia in comunione con una clientela più tradizionale. Il mondo sta cambiando più velocemente di quanto pensiamo, grazie per aver fornito il tuo punto di vista.

        • Il design di un prodotto non è tutto e paragonare un'Alfa con una Peugeot... non l'ho capito. È come confondere uno strofinaccio con un set di lusso. Dire che le Peugeot sono belle è un fatto personale, perché che si tratti della Mercedes classe A, dell'Audi A3, della BMW 1 o della Peugeot 308 è terribile a livello personale.

          • Faccio un altro esempio, non necessariamente un'opinione personale. Conosco un alfista che ha guidato per anni una Giulia veloce rossa. Ha aspettato e aspettato di cambiare auto... ha provato la tonale e non è convinto. Ha scelto una Peugeot 308 SW in attesa di altri nuovi modelli Alfa Romeo. Quindi ecco, bisogna rispettare i gusti di tutti, ma probabilmente c'è anche una scelta pragmatica di fronte a un'offerta che non è al livello dei clienti Alfa Romeo.

          • Solo che il Tonale non è il tipo di prodotto che ci aspettiamo dall'Alfa Romeo, in quanto il futuro piccolo SUV (il cui nome rimane un enigma) è un prodotto che non ha nulla di speciale.
            Se andate all'Alfa Romeo e pensate di trovare gli stessi prodotti che comprereste in un concessionario generico, vi aspetta una vera e propria sorpresa.
            Gli unici "veri" clienti Alfa che c'erano prima dell'arrivo della Giulia e dello Stelvio hanno disertato o sono andati alla BMW, che ha portato con sé 50% della clientela e il resto è andato via.... Ai giapponesi.
            Se si cerca un prodotto Alfa che assomigli a Peugeot, è come cercare una Cayman a 4 cilindri nella gamma di Ferrari, Lamborghini o McLaren... insomma, non succederà presto e bisogna avere un minimo di giudizio nella scelta.
            Non si cerca un prodotto di base in un marchio sportivo puro.
            I clienti del Tonale non saranno mai i clienti della Giulia, dello Stelvio, della 8 o della 4C e di altri prodotti simili.
            Non è una questione di rispetto, ma di coerenza.
            Ho un parente che voleva assolutamente un'auto sportiva a 4 cilindri quando ha lasciato la Cayman e ha preso l'ultima BRZ e non è andato all'Audi per comprare una TT in attesa che Porsche uscisse con un nuovo prodotto che fosse di suo interesse, ma è rimasto sulla stessa base di prodotto.... Questa è coerenza.
            Inoltre, dubito che il Tonale sarà un successo perché ha solo il nome di Alfa ed è ora che Alfa faccia due entità, come è stato proposto nei primi anni 2000:
            Uno sport puro
            Uno sport per tutti (dove si trova il Tonale)
            Ma se si vogliono inseguire due lepri contemporaneamente, si finisce per non prendere nulla, quindi è meglio che Alfa si concentri su ciò che sa fare davvero (come abbiamo visto con la Giulia e lo Stelvio e gli altri prodotti HDG) e soprattutto ricostruisca un servizio post-vendita degno di questo nome, perché è qui che molti clienti che non hanno rinnovato l'acquisto della Giulia (e sono tanti proprio per questo) si bloccano.
            La prova del nove è che Dodge è in cima alla lista e la famosa Hornet, che non è ancora stata provata, ha già un portafoglio pieno, quindi non vedo come Alfa possa farcela.
            Quindi fare delle Alfa delle Peugeot, andare in Alfa a cercare i prodotti che si trovano nelle generaliste riporterà l'Alfa allo stesso livello di quando la Fiat l'ha rilevata... in fondo al baratro.
            Potrei anche chiudere il marchio e, come molti, una volta terminate la Giulia e la Stelvio, cercheremo auto usate con un basso chilometraggio o torneremo alle giapponesi... e per essere una parte importante, è proprio così, perché più dell'80% della clientela della Stelvio o della Giulia era una clientela che aveva disertato (di cui facevo parte) ed è questo tipo di clientela che mantiene vivo un marchio. È sulla buona strada per ricominciare a rivolgersi altrove, perché alcuni chiedono già informazioni sui futuri prodotti di Mazda o Lexus (e paf the dog).
            Non conosco nessun proprietario di Giulia o Stelvio che sia passato a Peugeot o ad altri marchi simili, perché non si tratta affatto della stessa clientela, ma proprio no!

          • Avrei potuto capire la scelta di una 508 SW, ma poi una 308... la trovo l'opposto di una Giulia, tutta in una sobrietà senza tempo...

          • Infine, a oltre 60.000 euro, mi dispiace per Stellantis ma se voglio una nuova station wagon vado in BMW con una 330e Touring...

          • Fredo
            Avresti perfettamente ragione, perché è esattamente quello che hanno fatto gli ex clienti Alfa Romeo e gli ex clienti delle (156 e 159) (sono rimasti per lo più in BMW perché non c'era l'offerta di una station wagon sulla Giulia, mentre in Europa c'è un enorme potenziale per questa versione, soprattutto in Svizzera, Germania, Belgio, Lichtenstein e Lussemburgo) e molti (checché se ne dica) non amano affatto i SUV (li capisco). Hanno persino recuperato alcuni clienti di Mazda, che continua ostinatamente a commettere gli stessi errori di Alfa (sono ancora meno perdonabili perché se sono legati a Toyota, come lo è sempre stata Ferrari, hanno una loro indipendenza. Questo è ciò che manca ad Abarth, Alfa, Lancia e Maserati, perché la Fiat è da sempre all'avanguardia.

          • Alexandre
            Mi dica come chiama i clienti Alfa Romeo?
            Se pensate che i clienti che comprano il Tonale (che è l'equivalente della Giulietta) siano davvero l'esigenza del momento?
            Non sarebbe meglio fare una vera Thema sulla base della Giulia con la versione a 4 cilindri (per i paesi che accetteranno i motori a combustione) e riservare la versione V6 all'Alfa invece di sopprimerli facendola evolvere anno dopo anno? Non sarebbe meglio fare una Zeta o una Phedra su una Grecale con solo le versioni a 4 cilindri?
            Non sarebbe più redditizio produrre una Thesis sulla base della Ghibli, che sta per scomparire ma che ha un motore a 4 cilindri?
            Se continuano a voler fare bassi volumi ma alti margini (è esagerato e sono estasiato) è possibile permetterselo perché è più redditizio.
            Personalmente non sono d'accordo perché è meglio interessarsi ai clienti della gamma Giulia (o Stelvio, che dir si voglia) e migliorare i prodotti ogni anno (come avviene per Mazda, Lexus, Toyota, ecc.) così come per Lancia e Maserati, e soprattutto investire nel servizio post-vendita più competente al mondo?
            Non che a questo livello di incompetenza il gruppo Fiat (per Lancia, Alfa, Abarth) sia vincente da sempre, perché se si andasse da Lada a far riparare o revisionare una Quadrifoglio o una Veloce sarebbero sicuramente più competenti e questo è ciò che spaventa tanti clienti dall'acquisto di un'Alfa di nuova generazione.

          • Sarò umile, non ho la conoscenza storica di tutto ciò che elenchi. E non sono un ingegnere automobilistico per sapere come e quanto velocemente adattare un'auto.

            D'altra parte, da poco più di 10 anni seguo assiduamente le notizie dei costruttori italiani con i loro fallimenti e i loro successi, ascolto anche i venditori delle concessionarie, alcuni dei quali sono diventati amici, ascolto anche i miei numerosi compagni che hanno auto italiane ma anche di altre marche. Ho anche alcuni contatti a Modena con i quali cerco di mantenere buoni rapporti.

            È un dato di fatto che i decisori di oggi non sono quelli di ieri, il mercato automobilistico di oggi non è quello di ieri e i clienti di oggi non sono quelli di ieri.

            In tutto ciò che dici ho solo dei contro esempi, i clienti sono molto più volatili e pragmatici nella scelta di un'auto.

            Che cos'è oggi un cliente Alfa Romeo? Credo di conoscere un mondo di fantasia. In realtà non lo so.

          • Nulla impedisce di avere una Thema con gli stessi interni della Giulia in versione lusso con un 4 cilindri a trazione posteriore o 4WD e lo stesso per l'Alfa con un V6 a trazione posteriore o 4WD fino al 2035.
            Non è un investimento enorme e si ripaga in poco tempo, e quando si vede la qualità della piattaforma Giorgio bisogna essere stupidi per non approfittarne.

    • Il "disprezzo" che ha portato FCA a spendere un miliardo per una piattaforma esclusiva, riferimento della categoria a sette anni dall'uscita della Giulia Quadrifoglio, per due modelli. Ci sono state cose peggiori nella storia del marchio, tra cui una collaborazione con Nissan, per esempio... Spero che Imparato difenda l'istituzione contro gli assassini dei costi.

  4. Pare che sia in fase di realizzazione una coupé sportiva, perché non una elettrica... ma la Giulietta è destinata a scomparire, finché non si renderanno conto che tutti sono stanchi dei SUV, soprattutto per un marchio che si definisce sportivo. Lo stesso vale per i grandi schermi. Per il Tonale, il blocco motore non è ovviamente all'altezza, a differenza della piattaforma che non è male per la categoria (tutto è relativo). Forse riusciranno a inserire una batteria di capacità decente nelle nuove generazioni industrializzate. Ma non è il caso di indugiare sulla concorrenza, perché è l'immagine del marchio che ne risentirebbe.

    • Fredo per il momento la concorrenza sta annaspando, perché possiamo vedere che le auto elettriche non sono così. Guardate il numero di richiami alla Mercedes (i ragazzi sono allo stremo e alla BMW stanno servendo il loro culo), A parte il gruppo VAG, che si rifiuta di fornire risultati reali perché sono così catastrofici in termini di affidabilità (per non parlare del fatto che vendono auto che non sono nemmeno finite per evitare che marciscano nel parcheggio, come nel caso delle prime ID) e sono obbligati a ungere i palmi dei giornalisti affinché non si parli delle delusioni dei loro prodotti (in questo modo, saranno i clienti a soffrire, come al solito, e diranno che il minimo problema è colpa loro). Questo è anche il motivo per cui al capo del gruppo VAG è stato chiesto di andarsene, perché si trovano in un pasticcio di cui temo non vedranno mai il fondo.
      Come dice il proverbio, non ha senso correre, bisogna partire dal punto giusto ebbene Mercedes e VAG Group hanno corso come pazzi ma la caduta è ancora più difficile (anche se non mi piace VAG Group, non voglio che scompaia perché sarebbe una spina nel fianco perché abbiamo bisogno di diversità come per tutto il resto).

  5. Fedro la Tonale non è affatto un modello sportivo, ma piuttosto un cosiddetto modello "all-terrain" che sostituisce tipologie di prodotto come le crosswagon. Questa piattaforma è un successo (soprattutto se si vede cosa offre la concorrenza 👎 ). È qui che ti sbagli, perché il suo motore si sposa bene con il concetto che è più accesso alla coppia che alla potenza, ora sono d'accordo con te... non appartiene all'Alfa Romeo e avrebbe dovuto essere implementata alla Lancia per avere un tipo di Jeep molto più lussuosa e confortevole, mentre ci sono migliaia di clienti che preferiscono avere una Giulia station wagon (questa esce in continuazione) una e 2+2 coupé e un sostituto della 4C nella vena dell'Artega GT (che può essere condivisa dalla sua piattaforma con la Lancia per la versione Luxury in GT per il viaggio).
    Hai ragione: l'Alfa deve far uscire una Giulietta sulla piattaforma accorciata della Giulia che porti i clienti necessari e far uscire un Tonale sportivo ma ancora in edizione limitata.
    Per il momento i clienti di cui parli per Alfa sono troppo legati alle termiche e aspettano di più le evoluzioni dei nuovi carburanti e hai ancora una volta ragione per gli schermi perché personalmente mi danno la nausea tutti i marchi confusi, tranne Fiat e Mazda che li camuffa (la 124 o la MX5).
    Ma la sua visione dell'auto elettrica è la visione perfetta di ciò che i clienti si aspettano da Lancia, perché quando Marchionne ha urlato a sproposito che Lancia non significa più nulla ha fatto ridere i clienti e in Svizzera ha fatto la figura dell'ignorante della peggior specie (se l'è cercata all'epoca ed è tornato con una faccia lunga 15 metri).
    L'Alfa ha sempre avuto solo 3 concorrenti, ma nel frattempo ha perso la strada, che sono Mazda, BMW e Lexus (queste ultime due non sanno più cosa fare ed è un peccato perché ora hanno il culo su due sedie e non è così difficile tirare fuori la propria immagine di marca senza sacrificare il proprio DNA (come è stato per l'Alfa).
    Se si guarda alla storia di tutti i marchi Stellantis, gli unici marchi Prenium sono Lancia e Citroen per il loro prodotto, le loro immagini, la loro storia e anche la loro condivisione. Il tipo di prodotti che non si trovano in Maserati ma in diretta concorrenza con Acura, Audi, Jaguar, Lexus (da qui il problema per Toyota), Infiniti e altri e per quanto riguarda il motore (V6) dovrebbero essere lasciati alla Maserati che li fornisce e si occupa di Citroen e Lancia (vedi Chrysler che potrebbe salire sul mercato con l'American way of life, l'Italian way of life e il French way of life).

    • Citroën, premium? Ne è sicuro? Citroën che ha quasi ucciso Maserati? Credo che abbiamo due visioni molto diverse della situazione. Alla fine Citroën può vantare un'immagine "tecnologica" con diverse innovazioni importanti nella sua storia, proprio come Lancia. Ma per il momento - e per diversi decenni - si tratta soprattutto di un'immagine "entry level" alla PSA...

      • Citroën è sicuramente più prenium di DS che non ha alcuna legittimità o storia, tutti i prodotti di alta gamma in Francia sono stati rilasciati sotto Citroën e non sotto Peugeot o altri.
        Che si tratti di Lancia o di Citroën, sono loro ad aver fatto emergere il prenium in stile italiano e francese.
        Non è stata Citroën ad affondare la Maserati, ma la Maserati stessa che all'epoca, come la Lamborghini, stava tirando fuori auto sportive che venivano fatte in fretta e furia, a volte senza essere messe a punto, e quando si andava all'assistenza post-vendita.... Erano assenti.
        La SM, la DS e la GS erano effettivamente auto di lusso, mentre Peugeot era ancora alle prese con soluzioni arcaiche e ringraziava l'Africa e il Medio Oriente per aver comprato le loro auto a basso costo, altrimenti la 205 non sarebbe mai uscita e il Leone sarebbe finito in una scatola di sardine molto tempo fa se lo Stato francese non avesse finanziato PSA di nascosto per evitare che la loro cultura automobilistica scomparisse per sempre.
        Non si può dire che la 505, la 605 e le altre 607 fossero considerate auto di pregio... la prova è che, a parte la 505 all'estero, nessuna di esse funzionava.
        Nella mente dei clienti (soprattutto all'estero, dove è ovvio) Peugeot rappresenta il fondo della gamma e Citroën l'arte di vivere francese.
        Anche tra i coupé economici, Peugeot ha fatto un flop totale con la RCZ!
        Per la gente comune, una Peugeot è un'auto da pensionati, né più né meno, che vuole andare dal punto A al punto B e si fa rubare i clienti da... Dacia, che vende le sue Peugeot ai rumeni (che almeno offrono un vero 4×4).

    • Non so se il motore del Tonale sia quello che l'Alfa voleva o meno, ma il primo riflesso dei collaudatori professionisti è stato quello di schiacciare l'acceleratore ed ecco... Sono rimasti delusi, e ne hanno scritto. Comoda, ben insonorizzata, con una bella linea (per un SUV), spaziosa, pratica, tutto ciò che si desidera ma non molto sportiva. Il motore a quattro cilindri da 280 cavalli è riservato agli Stati Uniti e la versione elettrica è un buon modo per salvare la situazione.

  6. Ancora una volta abbiamo due visioni diverse, da un lato perché la questione della finitura era totalmente assente negli anni '70, in un settore che era ancora a livello artigianale. Citroën acquistò il nostro marchio italiano dopo il grande successo della Ghibli e della Indy (non erano filantropi come oggi) e poi lo abbandonò completamente, facendosi una pessima reputazione in termini di affidabilità che persiste tuttora. Fu lo Stato italiano e poi De Tomaso a salvare il marchio fino al 1993. E non per niente la Ferrari ha imposto una serie di punti di miglioramento durante l'acquisizione...

    • Le rettifiche apportate da Ferrari sono state fatte su richiesta di Fiat. Non stiamo parlando delle finiture interne (anche se dire che erano assenti negli anni '70 non era il caso di molti altri marchi) ma della messa a punto, dell'affidabilità meccanica che non era affatto all'altezza del prestigio del marchio, visto che i fratelli Maserati hanno venduto la loro creatura e la Maserati ne ha pagato le conseguenze nel modo in cui Ferruccio Lamborghini gestiva la sua azienda (il risultato lo conosciamo).
      Lo Stato italiano, sia per la Maserati che per l'Alfa, l'acquisizione è stata catastrofica e sotto l'era DeTomaso (avendo avuto una Shamal e una Biturbo), ha finito per rovinare l'immagine del marchio perché è stato venduto senza una messa a punto e finito in fretta e furia.
      La salvezza è arrivata dalla Fiat, che l'ha ritirata a un prezzo modesto perché bisognava rifare tutto e il design della Quattroporte 4 era così complicato che bisognava riprogettare tutto, per questo si è esitato tra l'Evoluzione e il nome Quattroporte 5 e tra i due è notte e giorno.

    • Il bello di te è che anche se non abbiamo lo stesso punto di vista sai di cosa stai parlando e questo è bello perché permette un vero dialogo argomentativo, grazie per questo Fredo e buon fine settimana.

      • Non so se il motore del Tonale sia quello che l'Alfa voleva o meno, ma il primo riflesso dei collaudatori professionisti è stato quello di schiacciare l'acceleratore ed ecco... Sono rimasti delusi, e ne hanno scritto. Comoda, ben insonorizzata, con una bella linea (per un SUV), spaziosa, pratica, tutto ciò che si desidera ma non molto sportiva. Il motore a quattro cilindri da 280 cavalli è riservato agli Stati Uniti e la versione elettrica è un buon modo per risparmiare i mobili. Per quanto riguarda la Ghibli II ne ho una e francamente è un'ottima auto, sia il motore che le finiture interne, tutto è in ottime condizioni e il restauro non è stato difficile. Ottima settimana, visto che è già lunedì!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.