Alfa Romeo MiTo Fase 3: 18 mesi e 30.000 km, salite a bordo per una recensione!

L'Alfa Romeo MiTo è stata lanciata nel 2008 e sta per uscire di scena tra pochi mesi, dopo 10 anni di carriera. Un veicolo che ha lasciato il segno nella mente delle persone per il suo look particolare. Io e il mio partner ne possediamo uno.

Questa è l'occasione per darvi una valutazione sotto forma di reportage fotografico prima che la piccola pulce italiana si congedi...

Genesi di un amore a prima vista

Per me la MiTo è una sensuale e desiderabile abitante della cittàEra un'auto con un tratto di matita che solo gli italiani hanno imparato a conoscere. Per il mio amico era un'auto come tante. Io sono un appassionato di auto italiane, lui non è legato a nessun marchio in particolare. Inoltre, non era e non è tuttora un fan della versione pre-restyling con la griglia a barre cromate, né di alcuni accessori come l'anello nero sui fari anteriori o i cerchi sportivi.

In Dicembre 2016Quando il mio amico stava cercando di cambiare la sua auto (una Citroën Saxo Phase 3) e stava per rompere il suo salvadanaio per acquistare un'auto nuova o quasi, la sua attenzione è stata immediatamente attirata da una Alfa Romeo MiTo bianca, versione rinnovata con griglia a nido d'ape nera, con solo 100 km di distanza dall'orologioL'auto è esposta davanti a una concessionaria FIAT-ALFA-JEEP negli Yvelines. Il test viene eseguito ma l'amore a prima vista è già per lui, come per me, presente. Lui lo vuole, noi lo vogliamo. Lo prendiamo noi. Salite a bordo, il viaggio inizia...

Lo stile? Non ne abbiamo mai abbastanza!

Lo stile della MiTo è un stile unico. Il design è superbo. Nella parte anteriore, le luci rotonde di colore grigio scuro sono superbe. In combinazione con il Griglia a V così caratteristici del marchio, nido d'ape nero per questo modello del giugno 2016, che aveva allora 6 mesi di vita e solo 100 km sul contachilometri quando l'abbiamo acquistato nel dicembre dello stesso anno, questo fornisce una aspetto elegante e molto curatoLa MiTo è un'auto che si distingue facilmente dai traslocatori franco-tedeschi senz'anima. La MiTo, la vedi, la riconosci, ti attrae e ti affascina perché è diversa. È italiano e questo significa tutto per me.

Anche i piccoli dettagli contribuiscono alla naturale eleganza di questo modello. I dettagli che ci hanno fatto innamorare di questo veicolo in particolare: il Cerchi in alluminio da 16″ a più razzei cerchi sportivi che non erano adatti a noi, o le specchi cromati che contrastano con la carrozzeria. Per non parlare del piastra remota sul lato che la rende così Alfa o il colore bianco, senza sprofondare nella cremosità di alcuni altri modelli. Questo è un bianco Alfa. È anche, infine, il nuovo logoIl nuovo modello, meno colorato e più elegante, recentemente introdotto dall'Alfa Romeo.

Visto di profilo, il suo aspetto compatto, sportivo e allo stesso tempo suggestivo, ci affascina ancora. Un'opera d'arte non ha bisogno di artifici per affascinare, sta in piedi da sola... Il finestre senza telaio hanno sempre un effetto, se non sugli altri, almeno su di noi, e questa è la cosa principale. È di classe, è sportiva, è Alfa.

Nella parte posteriore, il piccole luci LED rotonde sono intramontabili come sempre. La bellezza ha 10 anni di progettazione nei cerchi, ma ha non è invecchiato di un millimetro... L'anello cromato intorno ai fari, identico a quello anteriore, aggiunge delicatezza all'insieme. Sia che la riscopra nel mio garage con tutte le luci accese, in mezzo alla campagna della Normandia o in un ambiente urbano, come potete vedere qui sotto, si distingue ancora tanto per la finezza dei suoi lineamenti e il suo linea scultoreada tutte le angolazioni.

Ancora oggi, 18 mesi dopo l'inizio della proprietà e mentre alcuni si stancano rapidamente del loro veicolo, noi, quando lo troviamo, in un parcheggio con tempo piovoso o in una radura dopo una romantica passeggiata sotto un bel sole primaverile, che sia in mezzo alla folla di altri veicoli o da solo, nella natura, esposto come una statua greca, ancora esclamiamo "È così bella!" È istintivo, è appassionato. Non ne avrete mai abbastanza. Sì, troviamo la nostra MiTo come sempre bellissima che all'inizio!

All'interno? È bello (nonostante alcuni difetti...)

Salite dentro con me.

Quando l'abbiamo acquistata nel dicembre 2016, ci è subito piaciuta la qualità dell'insieme. Va detto che venivamo da una Saxo di 15 anni che, nonostante il suo valore e i bei ricordi che ne abbiamo, non è in grado di competere. Nel Mito, ciò che ha predominato fin dall'inizio è stata la sensazione di essere avvolti. Ci si sente come in un bozzolo dove tutto sembra essere imbottito, tanto che sembra che la finestra d'ingresso sia a 4 metri di distanza! Il design degli interni ci ha sedotto e la qualità dei materiali è sempre buona.


da tutte le angolazioni
A questo proposito, essendo stato a bordo di un'Audi A1, vorrei trasmettere un messaggio ai collaudatori di auto che stimo molto: smettetela con la qualità costruttiva tedesca perché, senza alcuna malafede (ve lo assicuro!) la qualità costruttiva di una A1 non mi è sembrata superiore a quella della nostra MiTo. Se la precisione degli assemblaggi può essere messa a vantaggio della tedesca (ma la differenza è millimetrica), è soprattutto il fatto di offrire materiali uniformi che contribuisce alla sensazione di qualità visiva, mentre l'Alfa utilizza materiali diversi che possono dare l'impressione di un aspetto patchwork. Per quanto riguarda le plastiche della A1, sembrano dure e vuote al di fuori del cruscotto. Anche in questo caso, è meglio non guardare negli angoli. Quindi, la MiTo ha qualcosa di cui vergognarsi? A mio parere, no. Intrinsecamente, no.

Ma l'A1 non è l'argomento del nostro articolo, quindi torniamo alla nostra Milano. L'aspetto muschioso della parte superiore del cruscottoLa console centrale a forma di onda è ancora molto piacevole e si trova al centro dell'ambiente. abbastanza insensibile ai graffi (siamo comunque piuttosto attenti). Lo stesso vale per gli stipiti delle porte. Il aeratori rotondiLe quattro sono molto Alfa nel loro design e il Il nuovo volante richiama nello stile la griglia a forma di V tipico del marchio. È molto bello.

La MiTo che abbiamo è una finitura Super ben fornito. Ha quindi molte strutture utili come la radio CD MP3 con USB e 6 CV Aux, comandi radio al volante, touch screen, assistenza alla partenza in salita, radar di retromarcia, specchietti retrovisori riscaldati elettricamente, climatizzatore automatico bi-zona, sedili anteriori con regolazione lombare, alzacristalli elettrici, volante in pelle, numerosi airbag, tra cui uno per le ginocchia del conducente, ESP, fendinebbia, fari e tergicristalli automatici, sensori per le cinture di sicurezza, scarico cromato...

Altri sono meno utili, come ad esempio il sistema Stop&Start che il mio collega non ama (pensa che faccia più male che bene al motore), controllo di crociera (lo utilizza raramente e preferisce guidare da solo). E sì, un'Alfa può essere guidata! Inoltre non abbiamo mai usato un solo CDLa nostra musica viene riprodotta tramite MP3 e USB.

Infine, alcuni dettagli piacevoli come il richiamo a colori del logo Alfa Romeo sul tappetino del sedile del conducente o il marchio sulla console centralesopra il touch screen o sul fondo delle porte.

I sedili, invece, si avvolgono intorno asoprattutto nel bacino ma il mio compagno trova ilsedile un po' troppo cortoÈ faticoso per i lunghi viaggi. Il posizione di guida è facilmente reperibile. Come persona che ha guidato solo poche volte (una caratteristica di molti parigini che hanno il foglio rosa ma usano solo i mezzi pubblici, che purtroppo mi ha portato a non toccare quasi mai il volante), ho scoperto che quando mi sono messo dietro il cerchio, la posizione di guida era facile da trovare.

D'altra parte, come passeggero, cosa che faccio il 99% delle volte, trovo che il porte blindate mal costruite. Mettere il braccio sul bracciolo della porta posteriore non mi aiuta molto, è troppo basso! Metterlo sulla parte superiore della portiera vicino al finestrino è una tortura, a causa di una linea di carrozzeria molto alta, perfetta per il design, ma una tortura all'interno, dove mettere il braccio destro come passeggero è un mal di testa. Quindi preferisco appoggiare il braccio sinistro sul bracciolo centrale! Senza disturbare l'autista, naturalmente... Anche il porte, grandi e pesantisono difficile da manovrare e l'ampiezza per stabilizzarli è mal proporzionata. Parcheggiando leggermente in pendenza, è facile che la porta cada sulla gamba quando si scende! Attenzione ai lividi!

Una parola sulschermo tattile che gestisce molte funzioni. È a colori per l'aspetto del logo, ma in bianco e nero il resto del tempocon alcuni dettagli rossi. Non molto inquietante ma può sembrare antiquato per alcuni tecnofili. La gestione delle stazioni radio e di alcune altre opzioni del menu è abbastanza semplice a seconda del conducente. Personalmente, sono più interessato alla musica via MP3 e USB. Il suono è buono e il ordini sono abbastanza intuitivo. Più doloroso è il Tempo di rilevamento della connessione USBche prende a volte quasi un minuto e lascia lo schermo girare nel vuoto. Manca di velocità. Allo stesso modo, quando mi trovo nei sottomenu o addirittura nei sotto-menu delle cartelle musicali, a volte è necessario tornare alle cartelle principali perché non è sempre possibile usare il pulsante indietro. Un dettaglio spesso fastidioso!

Una piccola nota sulla vita sul retro tutti uguali. Per il fatto di essere lì, è una bella sensazione anche ma Le persone claustrofobiche non sono quindi nostre amiche perché ci si sente confinati dal carattere imponente dei sedili anteriori e dalle dimensioni ridotte dei finestrini laterali unite all'assenza di aperture, anche a compasso. Ma l'accesso rimane facile. Mia nonna, che ha quasi 80 anni, si è seduta comodamente dietro e non ha sofferto di alcuna sensazione di angustia. Lo spazio per le gambe è ancora molto buono e il larghezza sufficiente ai gomiti. Nonostante ciò, la MiTo rimane una L'auto è stata progettata principalmente per due persone, che siedono nella parte anteriore, dove lo spazio non manca. Le porte posteriori offrono un apprezzabile spazio di stivaggio, anche se non molto ampio, così come il bracciolo centrale (che cade perfettamente sotto il braccio) e la parte inferiore della console centrale. Sufficiente. Un dettaglio di poco conto, tuttavia: il cassetto portaoggetti, È ridicolmente piccolo, non si apre abbastanza a causa delle gambe e, quando è chiuso, sembra che sia stato rifinito con la cazzuola e non si adatta al resto del cruscotto.

Per quanto riguarda il troncoPorta a bordo i nostri bagagli per un weekend o per le vacanze. Esso Cubo da 270 lSi tratta di un valore onorevole (più di una Mini, un po' meno di una 208). A titolo di confronto, la Clio cube 300l). D'altra parte, il prezzo del suo stile è che assume la forma di un pozzo con un davanzale alto. Fate attenzione alla zona lombare quando scaricate i bagagli pesanti e fate attenzione a non graffiare la carrozzeria. Un vero peccato, il sedile a panchina è monoblocco. Beh, le poche volte che abbiamo dovuto ripiegare i sedili posteriori, l'intera panca era ripiegata e se i sedili fossero stati divisi, li avremmo ripiegati tutti allo stesso modo. Ma almeno i sedili 60/40 o 40/20/40 offrono opzioni che noi non abbiamo.

Motore? Sta correndo!

La nostra MiTo Super del giugno 2016 è equipaggiata con una Motore 1.4 MPI da 78 CV. Sento già le grida di rabbia di alcuni. Che cosa intende dire? Ma quando si ha un'Alfa, non si prende un motore entry-level! È indegno! E dicono di amare l'Alfa! ecc. ecc... Basta! Le ragioni di questo motore sono molteplici:

- L'amore a prima vista era estetico prima che di potere.

- Per il budget che avevamo a disposizione, la scelta era semplice: una MiTo nuova o quasi nuova con questo piccolo motore, oppure un motore più potente ma con un veicolo che avesse un chilometraggio maggiore o che fosse semplicemente più costoso da acquistare. Il che era impossibile.

- Un motore più potente, ovviamente, è un bene, ma io e il mio partner siamo giovani. Il banchiere potrebbe non essere d'accordo, l'assicuratore potrebbe non essere d'accordo e la licenza potrebbe non essere d'accordo.

- Per guidare a 130 km/h in autostrada e a 90 80 su una strada secondaria sono sufficienti. Guidare sempre meno in nome della sacrosanta mortalità su strada, capeggiata dalle arpie di Perrichone, e presto guidare in scooter o addirittura in retromarcia (per riportare in vita i morti?), è persino sufficiente!

Cosa possiamo dire di questo 1.4 MPI?

Prima di tutto, visivamenteLa prima volta che abbiamo aperto il cofano, l'abbiamo trovato molto piccolo. Nel cofano si potevano quasi inserire due motori, perché sembrava che ci fosse ancora spazio. Oh sì, siamo lontani dai grandi V6 che stanno in fila!

Su strada, fa il suo dovere. Flessibile, efficiente e molto attentoFa il suo dovere. Con 78 CV, naturalmente, non è un fulmine (il mio amico dice che sono "più 78 pony che 78 cavalli"). Ma è sufficiente per le nostre velocità limitate in Francia e con una solo una piccola tonnellata sulla bilancia. D'altra parte, quando è necessario rilanciare, nel bel mezzo di una gara, per esempio per un sorpasso, si sente che la diva ha difficoltà a trovare il suo passo e presto si viene raggiunti da potenti veicoli che arrivano da dietro a tutta velocità. Ma a una velocità stabile, senza problemi. È sufficiente Non esitate a frustarlo di tanto in tanto.

Sulla strada, l'auto è piuttosto ben insonorizzato (anche se la concorrenza è più esperta). Se le accelerazioni non sono fulminee, lo è la macchina, freni bruschi. Per quanto riguarda i consumi, siamo partiti con soli 100 piccoli chilometri sul contachilometri, con un consumo abbastanza elevato visto che, per un Serbatoio da 45LFacevamo solo 450-500 km. Questo significava fermarsi spesso alla stazione di servizio e bere molto! Era un media di 10L/100 km all'inizio! Il mio amico si lamentava spesso, ma io gli dicevo che l'irruzione era necessaria.

Oggi, dopo 30.000 km al volante (in 18 mesi, sì, sono tanti!), realizziamo fino a 650 km con un pieno. O un consumo medio di circa 7L/100 kmA 130 km/h a velocità costante, la media è di 6,3L. Anche se la questione del diesel poteva essere sollevata in considerazione del chilometraggio percorso, era una conclusione scontata. Nessun rumore di trattore agricolo degno di una Peugeot nella nostra auto! Anche se dovessimo andare più spesso alla pompa. In ogni caso, con il prezzo d'acquisto più alto, i maggiori costi di manutenzione, i numerosi guasti dovuti ai (troppi) ricambi e lo scandalo del diesel, abbiamo fatto la cosa giusta! Viva Benzina !

Dal punto di vista sonoro, a rischio di sembrare uno sciocco, fa un gran rumore! Sento già i "Cosa, un 78 cv? Che scherzo!" Eppure, lo affermo. Fa un un vero suono da auto da rally, con un po' di botto. Ciò che è impercettibile all'interno con le finestre chiuse è molto evidente all'esterno. Quando l'auto viene messa in moto, così come quando viene fatta girare, offre una un po' di atmosfera da auto sportiva anni '70 a cui siamo particolarmente affezionati. Leggero ronzio, scarico che sbatte. Guardate invece il video qui sotto: https://www.youtube.com/embed/gMl9YHv0Urg?feature=oembed&wmode=opaque

Il velocità massima è contrassegnato per 200 km/h sul contatore, ma è bene tenere presente che l'abbiamo guidato solo fino a 175 km/h. Il che è già vietato, ne converrete. Ma zitto, non hai letto nulla!

Nella vita ordinaria, il piccolo è maneggevole e facile da guidare ma attenzione perché il suo carrozzeria è terribilmente esposto ! Per il resto è confortevole nella sua selleria ma il sospensione è un po' secco sul dosso e a volte si avvertono alcune irregolarità. Allo stesso modo, bisogna stringere i denti (e le natiche!) quando ci si avvicina a certi dossi, per non parlare del fatto che, se si è un po' precipitosi, il lungo paraspruzzi in plastica nera sotto lo spoiler anteriore può sfregare. Morbidezza e delicatezza!...

Infine, il Cambio meccanico a 5 velocità adempiere alla sua missione e si abbina bene a questo motore. Esso non prende piede ed è ben stratificato. D'altra parte, non aspettatevi di riprendere a fondo il contagiri in 2a marcia, la MiTo stallerà! Non è un diesel, per l'amor di Dio! Quando si guida in modo fluido e veloce, l'auto segue bene la traiettoria, abbraccia la stradasia su strade rettilinee che tortuose, e si è dimostrata sempre al sicuroIl frontale rimane pesante quando Il retrotreno lo segue senza battere ciglio. Quando si entra in una rotatoria, i pneumatici rimangono incollati all'asfalto. Non aspettatevi che cantino o derapino al posteriore, l'auto rimane incollata, anche se l'anteriore tende ad allargare un po' la traiettoria.

Bilancio

Alla fine, dopo 18 mesi di incarico, è chiaro che amiamo la nostra MiTo. Ci siamo affezionati. È bello e desiderabile. Si percepisce che è osservata mentre passa.. Provate con un C3 per vedere!

Certo, non è il più tecnofilo, né il più potente o il più efficiente, ma è molto ben equipaggiato, sufficiente per le velocità regolamentari, comodo e sicuro.

Soprattutto, ha quel piccolo "+". che gli altri non avranno mai, per quanto brillanti siano: è bello, decisamente bello. È un'italiana, un'auto con un'anima e un cuore. A volte si può vedere quella piccola scintilla nei suoi occhi. Ci affezioniamo a lei, diventiamo un tutt'uno con lei. Anche il piccolo peluche che le fa compagnia sul retro, occhio nero e vestito bianco, vuole assomigliare a lei, ecco quanto...

Amiamo la nostra MiTo sia per le sue qualità che per i suoi (piccoli) difetti. La nostra MiTo è semplicemente Alfabulous!

Un commento

Lascia una risposta
  1. Grande auto e grandi ricordi in una versione QV del 2010, con sospensioni attive.
    Auto di famiglia, 2 adulti, 2 bambini, un cane, e sì, non mi piacciono le berline, figuriamoci i SUV, trovo le auto grandi inutili 355 giorni all'anno.
    Stessa opinione per il confronto con l'A1, una delle mie zie ne possiede una, sono scoppiato a ridere quando sono entrato. Cos'è questa storia dell'assetto premium?
    Adoro il bagagliaio, è profondo e si può riempire fino all'orlo! Non c'è spazio sprecato, cosa che non accade con le soglie di carico basse, dove tutto cade e si rompe! Ed è un buon esercizio muoversi un po'!
    Ma bene, la fine dell'avventura ALFA, grazie a quell'idiota di Marchionne per aver mandato all'aria una gamma, fermando bruscamente la Brera, la 159, la Gt, fermando gli sviluppi della Giulietta, della Mito, non riuscendo a far evolvere la 4C.
    E' disgustoso ciò che sta accadendo a questo marchio, dopo Lancia, Alfa sarà il prossimo a scomparire. Non è con i due futuri suv che duelleranno in mezzo a padiglioni invasi da fiat, jeep, abarth e, perché no, DS che questo marchio ritroverà una parvenza di credibilità. È un affare fatto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *