Il progettista dell'Alfa Romeo Junior (Milano) conferma che non è solo per gli aficionados

Il direttore del design diAlfa Romeo dal 2021, Alejandro Mesonero-Romanos, ha parlato alla stampa spagnola del suo lavoro alla guida del marchio. Ha colto l'occasione per sottolineare una ricchezza di informazioni interessanti, in particolare sul nuovo Junior.

Junior è il primo progetto ideato a 100 % dal suo team. "Il progetto era già iniziato quando sono entrato in squadra, era il luglio 2021, ma siamo riusciti a prenderlo e a fare ciò che volevamo davvero in termini di design". Egli conferma che si tratta di un'auto che ha progettato in un lasso di tempo molto breve. "Sono arrivato nel luglio 2021 ed entro la fine dell'anno il design era praticamente finito [...] Velocemente perché volevamo portarla sul mercato il più rapidamente possibile. Dovevamo mettere sul mercato rapidamente una nuova Alfa Romeo oltre al Tonale".

Pubblicità

Sottolinea la necessità di un approccio pragmatico in un ambiente industriale dove le considerazioni economiche e tecniche spesso prevalgono sulla pura arte del design. "L'aerodinamica, il peso e il costo dei materiali utilizzati sono i tre fattori che oggi influenzano maggiormente il design e limitano il nostro lavoro, ma ci adattiamo ad essi, a cui dobbiamo aggiungere anche le omologazioni e le normative imposte dall'Europa, sempre più severe e difficili [...] Vivo questa situazione da 20 anni. Ho lavorato per i gruppi Volkswagen e Renault, dove questa pratica di sinergia è stata comune per così tanti anni, che sono abituato a questi vincoli. Siamo designer, non artisti.

Nonostante questa sinergia industriale, Junior conserva alcune delle caratteristiche distintive dell'Alfa Romeo. "Volevamo mantenere un legame fisico tra uomo e macchina. Per noi questo è importante. Non volevamo comandi sensibili al tatto", afferma Mesonero-Romanos. Questa scelta progettuale riflette il desiderio di mantenere un'esperienza di guida autentica, apprezzata dagli appassionati del marchio. Inoltre, l'inclusione di uno schermo multimediale da 10 pollici rivolto verso il guidatore, sebbene considerato da alcuni troppo basso, dimostra questa fusione di ergonomia e tecnologia moderna. Anche i fari tre più tre saranno un marchio di fabbrica delle future Alfa Romeo. Sul Tonale e sulla Junior sono utilizzati come luci diurne (DRL) "sullo Stelvio e sulla Giulia posso dirvi che lo faremo anche noi, ma in modo molto diverso".

Pubblicità

Alfa Romeo Junior mira a introdurre il marchio in segmenti di mercato precedentemente inesplorati, sostituendo i modelli MiTo e Giulietta e rivolgendosi a potenziali clienti di marchi rivali come Mini e Audi. "Con questa vettura vogliamo acquisire clienti che oggi non abbiamo in Alfa Romeo. Sono convinto che riusciremo a conquistare i clienti di Mini e Audi", afferma Mesonero-Romanos.

Mesonero-Romanos discute anche il futuro elettrico dell'auto con un certo distacco: "In parole povere, quando si tratta di design, non mi interessa se si tratta di un'auto elettrica o di un'auto a carbone". Il designer vuole attirare un pubblico più giovane, senza perdere la passione degli aficionados: "Qui siamo tutti contaminati dalla cultura dell'auto, dalla storia dell'auto, ma bisogna pensare che non è così per la persona media. [...] C'è anche una generazione di giovani. Ora ho due figlie, di 20 e 19 anni, e bisogna pensare a loro. Forse sono ancora un po' giovani per permettersi un modello come questo, ma un'auto del genere sarebbe nella loro lista di scelta. I giovani non conoscono la storia dell'Alfa Romeo.

Pubblicità

"Junior è uno dei quattro progetti che abbiamo completato in due anni e mezzo. Anche questo è iniziato prima della 33 Stradale". Per quanto riguarda i modelli futuri, lo spagnolo ha confermato che i progetti dell'Alfa Romeo Giulia e dell'Alfa Romeo Stelvio sono già stati completati e vedranno la luce nei prossimi mesi. Questi incorporeranno parti delle auto storiche del marchio con elementi contemporanei, come la Junior con la coda tronca. È una caratteristica che interrompe completamente il flusso d'aria [...] Quindi è qualcosa che vedremo nelle future Alfa Romeo.

Fonti: elespagnol, okdiario...

Pubblicità

26 Commenti

Lascia una risposta
  1. Hanno congelato il design della futura Giulia e dello Stelvio prima ancora di ricevere un feedback sulla Milano/Junior. È una mossa intelligente... soprattutto se si considera che quest'ultima è unanimemente osteggiata...

    Possiamo temere il peggio.

  2. C'è un errore nel titolo, devi togliere "che", non è per Alfisti!
    Poi torniamo alle stesse critiche, ma prima di sottrarre clienti ai concorrenti, avreste dovuto pensare a qualcosa di diverso da puretoc.

    • La Gulia non è un'auto familiare e lo spazio di accesso e di bagagliaio per una famiglia di 4 persone è scarso.
      Ero pronto a prendere una tenuta Gulia, ma ho dovuto ripiegare sullo Stelvio, che è un SUV molto dinamico che mi si addice perfettamente perché vado spesso in montagna.
      Ma spero che l'Alfa mantenga la sua anima...
      Ho iniziato con la Gulia negli anni '70, poi 1750, Alfa 6, 156, Crossover 156, Gulietta, Brera e Stelvio.

  3. Si rivolge a clienti mini o audi? Persone che pensano "è tedesca, quindi è buona"? Sta sognando completamente.

    Nel frattempo, i clienti che desiderano le compatte e le coupé non vedono l'ora di...

  4. Il design è una cosa, aspetto di vedere la Junior dal vivo, ma per convincere chi compra Audi o Mini (oltre agli appassionati) servono anche i motori. Ed è qui che c'è un problema, con il solo PureTech da 136 CV e due motori elettrici, il 156 CV che abbiamo visto troppo spesso a Stellantis e il 240 CV che aspettiamo di vedere come si comporterà.

  5. L'ex-PSA sta infettando i marchi italiani con la sua sindrome "bocca grande, braccia piccole".

    - Non sono mai riusciti a penetrare nella fascia alta del mercato.
    - Pensano di poter fare a meno degli "alfisti", ma l'Alfa Romeo non è la BMW, se togli gli alfisti perdi facilmente 70% di vendite.
    - Hanno la faccia tosta di pretendere di essere premium, con finiture che in alcuni punti flirtano con il low-cost, cerchi da 20 pollici che rivelano freni a disco da scooter, cannocchiale che rivela uno schermo rettangolare, un motore definito il peggiore del nostro tempo, una piattaforma da city car potenziata e allungata fino a proporzioni preistoriche, una gamma di colori e interni degni di una Lada Niva...
    - Sono arrivati 3 anni fa e quello che propongono è... questo? Che mantengano un basso profilo invece di essere altezzosi, sprezzanti e compiaciuti.

    • Un'opinione un po' fuori luogo in questo profluvio di critiche assassine da parte dei fondamentalisti del Biscione, credo che occorra essere più sfumati. È facile, da puristi, criticare la Junior, dire che è un'auto francese prodotta in Polonia e progettata da uno spagnolo, e così via. Il problema è che ci sono più puristi che acquirenti delle presunte "vere" Alfa, come la Giulia e lo Stelvio. Nei miei 45 anni al volante di un'Alfa (dall'Alfasud TI del 1979 alla Giulia Veloce di oggi) ho sempre sentito dire che le Alfa non erano più vere Alfa, che il marchio stava per scomparire, che sopravviveva a pezzi e bocconi. Il più delle volte era vero, ma è divertente leggere alcuni commenti di oggi che spiegano che la 75 o la 147 erano "vere" Alfa, mentre all'epoca ci dicevano che la Giulietta del 1980 non aveva nulla in comune con il suo glorioso predecessore del 1955, che la 75 era solo un mediocre e superato patch-up dell'Alfetta, o che la 156 e la 147 non potevano essere "vere" Alfa perché una "vera" Alfa è necessariamente un'auto a trazione posteriore.
      Tornando alla Junior, credo che, a patto che offra le sensazioni su strada, il comfort e la maneggevolezza che ci si aspetta da un'Alfa Romeo, possa rappresentare una proposta interessante nel segmento ultra-competitivo dei SUV urbani, in grado di attrarre una nuova clientela. E non dobbiamo saltare troppo rapidamente alle conclusioni sul Puretech: il feedback della versione da 136 CV con catena di distribuzione è abbastanza buono (si vedano le prove sulla 208, mi rendo conto del sacrilegio di tale affermazione) e dovrebbe adattarsi bene allo Junior. Sono più preoccupato, devo dire, per l'autonomia della versione elettrica da 240 CV, che altrimenti dovrebbe essere piuttosto piacevole (questo è il problema che vedo con l'Abarth elettrica, che è molto divertente da guidare in modo sportivo - meno della versione a benzina, certo, ma comunque non male - ma la cui autonomia diventa poi ridicola).

      Amici puristi, evitiamo di diventare una setta del "era meglio prima". E passiamo dalle parole ai fatti: compriamo le Giulia finché siamo in tempo, anche se la nuova Giulia sarà quasi sicuramente un diesel (per i benzina siamo costretti a rivolgerci all'usato a causa della penalizzazione), facciamo in modo che diventi una star da collezione! E con la coscienza pulita, potremo deplorare che i futuri modelli Alfa non siano più degni della gloriosa, anche se a volte caotica, storia del marchio.

      • Amo l'Alfa, anche per passione. Condivido il tuo punto di vista.
        Sono un Alfista senza aver mai posseduto una Busso?
        Sono un Alfista se ho posseduto solo un trattore?
        Sono un appassionato se ho posseduto solo diesel?
        Che il marchio ci sopravviva!

  6. Un prodotto standardizzato per un consumatore standardizzato, educato da Netflix e nutrito da McDonald's. L'obiettivo è semplicemente quello di aumentare il margine di profitto...
    Quindi non è chiaramente un prodotto per Alfisti.

  7. A molti alfisti non piace la silhouette di questo SUV. Ma dato che al momento ce ne sono pochissimi, non ce ne può importare di meno. Per lo meno, avrebbero potuto lasciare la targa disassata. Purtroppo, ci sono già troppi modelli in questo segmento. Non parliamo poi del motore, la cui cinghia di distribuzione è stata sostituita da una catena da bicicletta. Che fine hanno fatto le due scintille gemelle e gli altri modelli gemelli? ....
    Personalmente non ci credo. L'Alfa deve mettersi in riga o scomparire.....

    • L'Alfa Romeo dovrebbe continuare a costruire sulla base della perfezione della Giulia e dello Stelvio, un'immagine (malconcia) si (ri)costruisce nel corso di diversi decenni, lo si fa poco a poco, semplicemente dimostrando di essere all'altezza, basti pensare alle BAM, Audi in particolare. Non si tratta di un processo unico, di una sola generazione. Non si va avanti rinunciando e voltando le spalle alla propria storia e ai propri clienti fedeli. È come qualsiasi altra cosa: senza perseveranza non si arriva da nessuna parte.

      Il Tonale si era già allontanato dai binari, quindi questo Junior è totalmente fuori strada. Non vedevo una caduta di gusto del genere dal 145...

  8. Avevano già abbandonato il segmento delle grandi berline 10/20 anni fa, e ora stanno abbandonando quello delle auto economiche, anche se è proprio lì che sono rimasti i pochi aficionados che non se ne sono andati per la concorrenza. Questo segmento è fondamentale perché è la solida base degli attuali proprietari di MiTo e 147/Giulietta, ma quale proprietario sostituirebbe il suo modello con questo?

    In breve, la stessa Mesonero afferma di aver voluto far uscire un SUV molto rapidamente. È un'operazione approssimativa... Manca l'investimento e si vede. Non basta mettere un biscione nelle bocchette dell'aria e dei barili davanti a un tachimetro rettangolare per trasformare una Peugeot in un'Alfa Romeo...

    Impatato, Mesonero: dovrete davvero impegnarvi, o andarvene...

    • Un lapsus o un deliberato gioco di parole? Impatato significa impattato in italiano... che in senso figurato può essere definito come: essere influenzato in modo piuttosto negativo 😉

  9. Sicuramente intende dire che non è più per gli aficionados, un vero intenditore del marchio non comprerebbe più un giocattolo, una brutta copia perfino della Peugeot 2008 e di altri rottami francesi.
    Hanno sacrificato il fascino, la bellezza, la purezza, la sensazione di guida e tutto ciò che contraddistingueva questo marchio.
    Peccato.

  10. In realtà, non gli interessa la marca. È spagnolo, nel suo paese non c'è tradizione meccanica, il paese non ha un marchio automobilistico. La Seat è stata fondata dalla Fiat. Per lui si tratta di lattine. Meglio ancora, non gli importa di produrre un trattore o un'Alfa. Credo che sia persino contento di veder fallire il marchio, almeno pensa di essere stato ben pagato per fare qualcosa, e poi può essere sprezzante, e lascia la strada aperta alle cosiddette Cupra spagnole. Che lavoro da sogno!

    • Bisogna rendersi conto che sotto Stellantis si è scelto di mettere il progettista della Dacia a capo dell'Alfa Romeo. Bisogna capirlo per capire il livello.

  11. Solo il mercato darà il suo verdetto.
    Nonostante le loro immense qualità e il loro DNA Alfa, la Giulia e lo Stelvio non hanno venduto, e il Tonale non sta facendo molto meglio. Vedremo se i rischi presi con la Junior saranno ripagati.

  12. L'Alfa Romeo è morta, lunga vita all'Alfa!
    Che tristezza! L'identità del marchio sta scomparendo a favore di grandi gruppi che utilizzano la stessa piattaforma per tutti i loro modelli. Solo il marchio sta cambiando 😭😭😭
    Godiamoci ancora per un po' la nostra ultima, autentica Alfa.

  13. Sono d'accordo con lei. Tavares è ossessionato dai costi, quindi ha indubbiamente scelto il designer più economico sul mercato. In tre anni è riuscito a disegnare la griglia più volgare della produzione automobilistica e a innestarla su una pseudo-Alfa Romeo. Grande arte! Per quanto riguarda gli interni, è una gioia per gli occhi: nero, nero, nero...

  14. Ho 18 anni e conosco bene la storia dell'Alfa. Conosco molti giovani della mia fascia d'età che sono appassionati quanto me, quindi dire che l'Alfa Romeo non interessa ai giovani è piuttosto goffo, almeno dal mio punto di vista...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *